Il consiglio ha paura dell’acqua

novembre 17, 2011 No Comments

A Ferrara, è accaduto che una persona fosse portata fuori con la forza dall’aula del Consiglio comunale in cui si doveva discutere un ordine del giorno relativo all’applicazione del secondo quesito dei referendum sull’acqua.
La donna, attivista del comitato acqua pubblica di Ferrara, si è resa colpevole di aver rifiutato di togliere un poncho azzurro su cui campeggiava la scritta : “13 giugno Si io c’ero, acqua bene comune”, indossata da circa una trentina di altri cittadini e membri del locale Comitato acqua.
Alla richiesta del presidente del consiglio comunale, Francesco Colaiovoco, del Pd di rimuovere i cartelli come da regolamento, gli attivisti hanno obiettato che si trattava di indumenti e non di cartelli e che pertanto a norma del regolamento potevano essere esposti. La seduta è stata immediatamente sospesa e si è riunita la conferenza dei capigruppo che ha concordato di continuare a chiedere la rimozione delle scritte. A quel punto gli attivisti hanno accettato la proposta del presidente Colaiacovo di girare il poncho sulla parte senza scritta, eccetto la donna, che ha rifiutato l’invito ad andarsene e si è fatta portare fuori di peso.
Ciononostante la seduta non è ripresa e il sindaco ha indetto un incontro con i rappresentanti del Comitato che non ha comunque portato alla ripresa dei lavori del Consiglio. Situazione per la quale gli stessi sono stati accusati di interrruzione dei lavori di un’istituzione. Da registrare anche che un altro attivista è stato fatto sgombrare nonostante avesse già provveduto a rimunovere la scritta.
Questi i fatti di come si è conclusa una manifestazione autorizzata che prevedeva un intervento pubblico anche sulla piazza antistante il municipio, davanti al quale l’attivista espulsa ha quindi denunciato ai concittadini il comportamento dei consiglieri comunali e degli amministratori pubblici che hanno abusato nell’interpretazione del regolamento. Di fatto una forma di censura nei confronti della testimonianza che la scritta recava circa la volontà popolare di 27 milioni di italiani rimasta lettera morta da ben cinque mesi.
Hanno fatto paura la presenza di quel “Si’ IO C’ERO” e la scritta “ACQUA BENE COMUNE” ad una maggioranza consiliare PD, IDV, che peraltro ha votato Sì al referendum, poichè non è concepibile l’obiezione che altrimenti si sarebbe creato un precedente. Nessuna altra situazione è paragonabile alla richiesta di applicazione di una legge approvata per volontà popolare attraverso un referendum!

Ecco il video (da Estense.com)

Tags: , , Comunicati stampa, primopiano

Leave a Reply

(required)

(required)


Acqua pubblica: UN QUESTIONARIO PER I/LE CANDIDATI/E A SINDACO DEI COMUNI DELLA PROVINCIA DI FERRARA

Comunicato stampa Acqua pubblica: UN QUESTIONARIO PER I/LE CANDIDATI/E A SINDACO DEI COMUNI DELLA PROVINCIA DI FERRARA IL COMITATO...

Al via la campagna europea ICE per il diritto all’acqua e la sua non mercificazione

Care e cari, la battaglia per l’acqua bene comune continua e, ancora una volta, abbiamo bisogno del vostro supporto....

Fusione Hera-AcegasAps: non chiamateli più Servizi Pubblici Locali

Siamo contro questa fusione perchè è contro l’esito referendario e radicalizza l’indirizzo della quotazione in Borsa e della presenza...

Fusione Hera-AcegasAps: lo statuto di HERA Spa non va cambiato!

Comunicato Stampa Fusione Hera-AcegasAps: lo statuto di HERA Spa non va cambiato! Evitiamo l’ennesimo colpo mortale al ruolo degli...

La Consulta dichiara incostituzionale l’art. 4 del dl di ferragosto

Grande vittoria dei movimenti, la Corte Costituzionale fa saltare le privatizzazioni di acqua e servizi pubblici locali Oggi, 20...

Cena di solidarietà con i terremotati

CENA DI SOLIDARIETA’ PER I TERREMOTATI mercoledì 13 giugno 2012, ore 20.30 presso la “Scuolina” via Gramsci 12 a...

2 giugno 2012: la Repubblica siamo noi!

Anche da Ferrara IL CAP organizza, in collaborazione con CGIL, la partecipazione alla manifestazione nazionale su acqua e beni...

Presidio contro lo scippo del referendum il 18 gennaio a Ferrara

Per difendere la vittoria referendaria e la volontà di 27 milioni di cittadini, contro il tentativo del governo Monti...

GIÙ LE MANI DALL’ACQUA E DALLA DEMOCRAZIA!

Il 12 e 13 giugno scorsi 26 milioni di donne e uomini hanno votato per l’affermazione dell’acqua come bene...

Non esiste liberalizzazione del servizio idrico che rispetti i referendum

Comunicato stampa Forum Italiano dei Movimenti per l’Acqua Ormai da giorni il Presidente del Consiglio Monti e i suoi...